#amesris update 1 / MIA

C’è una linea, se si ha la fortuna di vederla ovviamente, che sembra più opaca, più sfocata, più magica rispetto alla fine di quello che si sta guardando. Beh, quella è la linea dell’orizzonte. Quella che si crea per un gioco ottico con la curvatura della Terra. Perché sì, ammettendo di essere umani, di avere dei limiti, ci si può godere qualcosa in più. Non la vorrei mai la super-vista, proprio no. Sono felice della mia super-miopia.

In ogni caso ciao, io sono Mia. Sì, ora riderete, lo fanno ogni volta. “E di chi altro vuoi essere?” mi rispondono sempre. Beh, sapete che vi dico? Negli anni ho imparato ad amare questa risposta. Di chi altro? Solo mia. Ed è stato quando ho iniziato ad accettare questa sciocchezza, che poi una sciocchezza non è, che mi si è aperto il mondo. Okay, si è aperto dopo essermi aperta, sia mentalmente che fisicamente. Ma no, non nel senso che voi peccatori state intendendo, nel senso che mi sono fatta male di brutto. Ma non fatta male da sola, no no, fatta male perché sono un po’ pirla e sono caduta. In fin dei conti non so nemmeno che sto a dirvelo a fare, però non è vero, in fin dei conti lo so perfettamente: un po’ perché mi va di dirvelo ed un po’ perché non potendo muovere niente se non le braccia e la testa in su e in giù non è che ci sia molto altro da fare che scrivere. Si beh, anche giocare a carte ma mia madre dorme. Ah è vero, potrei pure pulirmi gli occhiali. Ma lasciatemi cominciare dall’inizio.

Quando ero piccola lo ero davvero. Nel senso che sono sempre stata più bassa del dovuto. Sono cresciuta (si fa per dire ovviamente) con tre costanti: la prima è la risposta di cui ho parlato in precedenza; la seconda è la continua necessità di tirarmi su gli occhiali per via del mio nasino che va giù drittissimo; e la terza, beh la terza è la mia preferita, si tratta di un sogno. Un sogno che si è costruito negli anni. Iniziato con delle sensazioni, che poi si sono trasformate in un’immagine, che poi si è trasformata in un luogo, poi in azione, poi in storia, poi in obiettivo ed infine in piano. Un piano infallibile (“così credevi” mi stanno dicendo le gambe – “eddai, datemi un po’ di tregua” rispondo io).

Le sensazioni erano super definite. Sentivo un caldo piacevole avvolgermi e di tanto in tanto abbandonarmi in favore di un meraviglioso senso di freddo. Insomma come quando inspiri fortissimo e ti entra tutto il profumo di una giornata invernale nei polmoni. Con il tempo mi sono resa conto di essere in una specie di cesto, un cesto contenente me ed un fuoco. Poi sono riuscita ad affacciarmi da questo cesto ed indovinate cosa ho trovato? Il mondo. E non sto parlando per metafore, ho visto il mondo. Ho visto un cerchio. Il cerchio dell’orizzonte si potrà dire? Chi lo sa, però io l’ho visto. Ho visto le nuvole da sopra, e poi i venti muovere l’oceano, ho visto le stelle passarmi vicine, ed un blu intenso tutt’intorno a me. E sopra? Sopra un altro cerchio, questa volta colorato a spicchi, arancio, blu e rosso. Avete capito? Ero in una mongolfiera.

Lo so, lo so, solitamente i sogni sono un po’ più… sognanti. Intendo dire che solitamente sei tu che voli senza l’aiuto di niente e nessuno, o sei tu che nuoti sotto chilometri d’acqua scoprendo nuove creature nel ventre dell’oceano. O sei tu sulla Luna che giochi a golf mirando alla stella più lontana. Se non addirittura tu che voli sulla Luna che però è sott’acqua e quindi giochi a golf con le nuove creature. Dai ci siamo capiti. Il mio sogno ricorrente, invece, è stato (o meglio, è) andare su una mongolfiera. Che umile, direte. Grazie, vi rispondo. Io sono Mia, no? Quindi va bene così.

horrbile

#amesris

patamu_protectedatpatamu_newpalette

Annunci

2 pensieri su “#amesris update 1 / MIA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...